3 PAROLE TOSSICHE PER LA TUA COMUNICAZIONE EMPATICA E COME EVITARLE

Empatia significa immedesimarsi nello stato d’animo di una persona, percepirne i sentimenti e trasmettergli un senso di fiducia e vicinanza emotiva. L’empatia è utile in modo particolare quando un dialogo verte su un problema o comunque su una situazione delicata da risolvere.

Quando si vuole trasmettere empatia nella comunicazione, usare parole positive e rassicuranti è senza dubbio la scelta migliore, anche quando si deve esprimere un concetto negativo. Ecco quindi 3 esempi di parole tossiche che puoi rendere più appetibili ai fini della comunicazione empatica.

La comunicazione empatica è la capacità di entrare in profonda connessione con altre persone, in modo da riuscire a sentire le loro emozioni e i loro stati d’animo, quasi come fossero i nostri. Per una comunicazione vincente, assertività ed empatia sono entrambe essenziali: si completato e si auto-alimentano. Non può esistere una senza l’altra.

Per comunicare in modo efficace quindi dovrai:

  • Capire lo stato d’animo della persona cui ti stai rivolgendo,
  • Mostrarti comprensivo e rispettoso della stessa,
  • Giocarti la carta dell’assertività per ribaltare la condizione emotiva negativa.

Allo scopo anche l’uso sapiente delle parole è d’aiuto. L’abilità di descrivere situazioni negative usando tuttavia parole rassicuranti è un’arma vincente!

Trasformare parole negative in rassicuranti

Come anticipato all’inizio dell’articolo, la comunicazione empatica risulta utile soprattutto quando il nostro interlocutore ha un problema o comunque una situazione difficile da risolvere. Ciò presuppone quindi che la persona con cui stiamo parlando sia agitata o addirittura spaventata. Il nostro obiettivo è quello di placare e ribaltare (per quanto possibile) questo stato d’animo negativo.

In che modo?

Oltre a dover ribaltare le preoccupazioni, devi anche stare attento ad evitare certe parole tossiche che, anziché migliorare la situazione, rischiano addirittura di peggiorarla…

Ora capisci perché ho evidenziato “problema” e “difficile”? Perché sono proprio parole da evitare… anche quando il primo ad usarle è il tuo interlocutore.

Il segreto è di esprimere lo stesso concetto usando parole diverse, più rassicuranti o comunque con un’accezione più positiva. Qualche esempio?

Zero problemi! Solo questioni da risolvere

Chi ti sta parlando ha un problema? NO. Ha piuttosto una questione da risolvere o un affare da sistemare.

“Problema” ha un’accezione puramente negativa e suscita in chi la sente qualcosa di brutto. Le 2 soluzioni proposte invece (oltre ad essere più rassicuranti) anticipano già il fatto che esiste una soluzione. La “questione” è una cosa che si può “risolvere”. Un “affare” può essere “sistemato”.

Non è difficile… piuttosto è impegnativo!

In modo simile, anche “difficile” è un termine che deve essere messo al bando. Una cosa difficile richiede fatica… Diversa è invece una cosa impegnativa.

È vero, anche qui c’è una certa accezione negativa, ma dire che qualcosa è impegnativo presuppone comunque che si può rimediare. In pratica, usando l’aggettivo impegnativo riconosci sì la problematica, introducendo comunque la possibilità di trovare una soluzione.

Un Costo è in realtà un investimento

Questo ultimo esempio è ricorrente quando la comunicazione riguarda una trattativa di vendita o in generale qualcosa che deve essere comprato. L’argomento più spinoso in questi casi è il valore economico del prodotto o servizio, cosa che va affrontata sempre con tatto, soprattutto di fronte a cifre interessanti.

Evita di parlare di costi! Un costo è una somma di denaro di cui ci si priva. Un investimento è di sicuro più allettante! L’investimento presuppone un ritorno economico nel tempo e quindi l’idea che qualcosa ci tornerà in tasca.

 

Questi sono solo alcuni esempi di parole che possono migliorare la tua comunicazione. Per essere davvero convincenti e vincenti è importante padroneggiare bene i principi dell’assertività!

Scarica la guida gratuita e scopri i segreti per comunicare con successo.

guida-gratis-comunicazione-vincente

Categorie: Comunicazione Vincente, Empatia

condividi su whatsapp

Potrebbero interessarti anche