Come Fare per Lavorare Meno e Godersi la Vita in 7 Step

Scritto da Alessandro Ferrari il 30/08/18 13.00

Come Fare per Lavorare Meno e Godersi la Vita in 7 Step

Al rientro dalle ferie siamo tutti molto decisi a migliorare la nostra vita. Probabilmente anche tu, come me, hai fatto ordine nelle priorità e hai capito il valore del tempo. Quando si è in vacanza e si ha l’opportunità di trascorrere tutto il tempo con noi stessi e con le persone che amiamo, la mente vaga in cerca di soluzioni per migliorare il proprio rapporto con la quotidianità. C’è un modo per lavorare meno e godersi la vita? Secondo me la risposta è sì. Ed ecco come ho pensato di fare.

La prima cosa che ti viene in mente per lavorare di meno è delegare i tuoi compiti, o parte di questi a un dipendente?

Delegare è Sempre la Soluzione Più Giusta?


La risposta è "Ni". Se hai la possibilità di avere un aiuto in azienda, o persone di fiducia a cui affidare dei compiti è sicuramente un passo nella direzione giusta. È anche giusto però avere il controllo sul prodotto che esce dall’azienda: risponde alla qualità che vuoi assicurare al cliente? 

Con questo non voglio certo dire che non dovresti fidarti dei collaboratori, anzi, ma che devi semmai selezionarli al meglio e costruire con loro un rapporto positivo, in modo che loro siano i “portabandiera”, per usare un paragone sportivo, della qualità del tuo prodotto o servizio.

Fissarsi Obiettivi Realistici e Raggiungibili

Ci sono comunque dei compiti improcrastinabili: guadagnare senza muovere un dito è irrealistico. Cerca di darti degli obiettivi raggiungibili, altrimenti finirai con il sentirti frustrato e vivere il lavoro come un incubo.

Molto meglio fissarsi degli obiettivi raggiungibili.

 

I 7 Punti Chiave dello Smart Work

Ha avuto molto successo, in questo periodo, il libro Good at Work di Morten Hansen, guru del management e professore dell’università californiana di Berkeley, che ha raccolto nel suo libro 7 punti chiave dello smart work.

  1. Fare meno ore, ma con estremo impegno: cerca di stabilire delle ore in cui dedicarti solamente al lavoro, senza distrazioni: devi mettere da parte social e messaggini, riservandoli alle pause pianificate. Schedulare la giornata o la settimana ti aiuterà ad organizzarti. Per farlo puoi usare un excell, programmi ad hoc oppure anche semplicemente un’agenda giornaliera, dove stabilisci i range di tempo da dedicare a una determinata commessa. In questo modo avrai scadenze molto chiare e meno “emergenze” che passano avanti alla normale programmazione.

  2. Fare un redesign dell’organizzazione se ti trovi a dover lavorare per più di 50 ore settimanali: magari c’è qualcosa da ridefinire, si può inserire qualche automatismo per evitare azioni ripetitive.

  3. Formazione continua (learning loop): ritagliarsi un tempo (magari a cadenza mensile) per aggiornarsi sulle novità che magari aiutano a migliorare il prodotto, il servizio o il processo aziendale.

  4. Alimentare la passione, l’energia e la propositività: la passione è il motore di un’impresa, quando viene meno è un problema. Per continuare a vivere il proprio lavoro come una passione è però necessario prevenire l’esaurimento nervoso! Quindi trovare il giusto equilibrio tra vita e lavoro ti aiuterà a mantenere viva la passione, senza che si trasformi in ossessione.

  5. Trova soluzioni ai problemi invece di scoraggiarti: il lavoro mette continuamente alla prova le nostre capacità. Il problem solving è una competenza che va maturata, all’inizio ogni difficoltà sembra sovrastante ma non è così; quando hai di fronte dei traguardi che ti sembrano irraggiungibili, prova a frazionarli in step più piccoli.

  6. Sfrutta la forza del team: se hai una squadra hai la possibilità di confrontarti apertamente per trovare soluzioni più creative e condivise.

  7. Definisci i compiti e i confini delle collaborazioni, in modo da non incorrere in spiacevoli conseguenze da gestire durante i progetti o al termine. Come recita il famoso detto popolare: patti chiari, amicizia lunga.

Seguendo questi 7 step è possibile migliorare ulteriormente l’organizzazione e accelerare il ritmo del tuo lavoro. Una migliore organizzazione non potrà che migliorare la gestione dei tuoi tempi raggiungendo un duplice obiettivo: evita il rischio di arrivare al punto in cui non ce la fai più e hai bisogno di staccare la spina completamente, ti dà modo di seguire anche le tue passioni personali, dedicando più tempo alla tua famiglia o alle attività che fai fuori dal lavoro.

Sei un procrastinatore seriale?

Molte persone tendono a rimandare, posticipando gli impegni, fino a quando si trovano sommerse di scadenze che vanno evase tutte insieme. Molto spesso si tratta di persone che riescono poi a mettere in campo risorse mentali intensissime e che lavorano anche 12 ore di fila, quando sono in prossimità della scadenza. 

Se ti riconosci in queste descrizioni ho un paio di approfondimenti che fanno al caso:

La formula magica per risvegliare la grinta sul lavoro è l’organizzazione.

Gli imprevisti esistono, ma non sono la regola: ogni tanto potrà accadere di avere un surplus di lavoro, ma riuscirai a gestirlo al meglio senza essere sommerso anche dalle altre cose.

Le attitudini e le abitudini quotidiane sono i mattoni che costruiscono la nostra quotidianità: avere una vita di successo, sul piano personale e professionale, dipende molto dalle nostre reazioni alle circostanze.

Per iniziare a costruire il tuo successo inizia a lavorare su te stesso.

Comincia subito a migliorare te stesso e la tua vita con la guida al Personal Branding. Clicca qui sotto per ricevere la tua copia gratuitamente.

guida-gratis-personal-branding

 Pensa in grande!

Alessandro Ferrari

Categorie: Personal Branding

condividi su whatsapp