TERZA LEZIONE: LINGUAGGIO DEL CORPO ED ESPRESSIONI DEL VISO

TERZA LEZIONE: LINGUAGGIO DEL CORPO ED ESPRESSIONI DEL VISO

Buongiorno,

Ti sei perso le lezioni precedenti? Ecco per te i collegamenti:

SECONDA LEZIONE: Linguaggio del Corpo e Seduzione

PRIMA LEZIONE: I Segreti del Linguaggio del Corpo

In questa terza lezione, invece, ci concentreremo sulle espressioni del viso. 

Per cominiciare posso dirti che le espressioni del viso dipendono direttamente dai nostri stati d’animo. 

Sono i gesti del nostro corpo che siamo più abituati a notare nei nostri interlocutori e che in qualche modo riusciamo anche a controllare per un breve periodo di tempo.

Sotto la pelle del nostro viso ci sono più di 150 muscoli, chiamati pellicciai, che reagiscono ai vari stimoli emotivi contraendosi e creando così vere e proprie maschere espressive.

Vediamo ora come leggere e interpretare le principali espressioni del viso. 

(Ti suggerisco di dare un’occhiata anche al seguente articolo sul mio blog: Comunicazione Non Verbale – Il Segreto del Colore degli Occhi)

La faccia che mostriamo al mondo dà raramente un’idea di ciò che pensiamo o sentiamo veramente. Pensate a tutte quelle volte che vi siete sforzati di sorridere semplicemente perché lo richiedeva la situazione. 

Il sorriso è diventato un segnale del corpo praticamente illeggibile, proprio perché ci si aspetta molto spesso che le persone sorridano nelle diverse situazioni della vita quotidiana. Oggi il sorriso è una delle molte maschere che indossiamo per nascondere le nostre vere emozioni e pensieri. 

Il sorriso è inoltre più un fenomeno culturalmente appreso che non una funzione biologica naturale. I neonati non sorridono molto fino a quando non sono condizionati in questo dai loro genitori o parenti. Impariamo a sorridere per metterci in relazione con gli altri. 

Analizziamo quindi i diversi tipi di sorriso e altre espressioni facciali significative:

1. Il sorriso forzato

Come si fa ad individuare un sorriso finto? Il sorriso rientra così tanto nelle nostre aspettative sociali che è ormai molto difficile distinguerne uno genuino da uno forzato. Il primo, tuttavia, tenderà ad interessare non solo la bocca, ma anche gli occhi ed il resto del viso. Il sorriso spontaneo è quello che viene chiamato “zigomatico”, dove entrami gli zigomi si sollevano per formare delle rughe di espressione ai lati esterni degli occhi (zampe di gallina). Se il viso e gli occhi non sono parte del sorriso, ci sono delle buone probabilità che esso sia forzato.

2. Il sorriso a labbra strette

Rappresenta una variazione del sorriso forzato ed è visito come un gesto di cortesia. È un tipo di sorriso utilizzato da chi non si sente veramente felice, ma vuole comunque apparire cortese.

3. Il sorriso aperto

Questo tipo di sorriso, in cui l’arcata dentale superiore è esposta, è normalmente spontaneo e genuino. Quando lo si osserva in una situazione sociale, sta ad indicare che la persona con cui stiamo conversando ci vuole conoscere meglio. Questo è un gesto che potete usare a vostro vantaggio: quando volete far capire a qualcuno il vostro interesse, sorridetegli in modo aperto e sincero.

4. Coprirsi il viso

Se vedete una persona compiere questo gesto mentre le parlate, è un segno che il contenuto del vostro discorso l’ha in qualche modo scioccata. È un modo che ha l’altro di prendere le distanze da una situazione incresciosa. Se l’altro si copre il viso (o la bocca) mentre sta parlando, può invece indicare che ci sta mentendo.

5. Labbra arricciate

Tipico preludio ad un bacio, questo gesto è un segno di interesse romantico o sessuale. A meno che la persona non abbia appena assaggiato qualcosa di acido, le labbra arricciate sono il segno che qualcuno vi vuole baciare.

6. Labbra contratte

In combinazione con le sopracciglia corrugate, le labbra contratte sono un chiaro segnale che il soggetto vive una situazione di stress o di preoccupazione. Le labbra contratte indicano tensione e/o disapprovazione.

Ecco invece i segnali del visto tipici di chi sta mentendo:

a. Più auto-contatti con il viso 

La persona che sta mentendo si sfrega frequentemente il mento o il sopracciglio, si stropiccia gli occhi, mette le mani davanti alla bocca o sotto il naso.

b. Restringimento delle pupille

Le pupille si dilatano quando si prova piacere e si restringono davanti a una cosa sgradevole o quando si mente. 

c. Variazioni della pigmentazione

Improvvise variazioni della pigmentazione possono essere indicatori di una menzogna o comunque di una situazione emotivamente stressante. Ad esempio, si tende ad arrossire facilmente quando si viene scoperti fare qualcosa o per imbarazzo.

CONCLUSIONI 

Nella prossima lezione parleremo di “Gesti e movimenti di testa, orecchie e naso.” 

Vi aspetto qui puntuali! 🙂

Pensa in Grande!
Alessandro Ferrari

Hai perso le lezioni precedenti? Eccole per te di seguito:
Lezione 1: I segreti del Linguaggio del Corpo
Lezione 2: Linguaggio del corpo e seduzione


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *