PROSSEMICA: LE 4 DISTANZE INTERPERSONALI

PROSSEMICA: LE 4 DISTANZE INTERPERSONALI

Avete mai sentito parlare della prossemica nella Comunicazione Interpersonale?

Vi siete trovati in situazioni in cui avete pensato “questa persona sta invadendo il mio spazio”?

Ecco, la prossemica definisce proprio questo:

La Prossemica indica lo spazio che viene adottato dalle persone quando si relazionano e può dare importanti informazioni sul tipo di rapporto che esiste fra i due interlocutori.

Da un certo punto di vista siamo come gli animali per quanto riguarda la definizione di un proprio territorio. Quando una persona cerca di invadere il nostro spazio ci sentiamo a disagio e soprattutto ci viene spontaneo cercare di difenderci.

Tante volte capita di giudicare male una persona solo perché l’abbiamo percepita come invadente dato che ha cercato di violare troppo il nostro spazio fisico.

Lo spazio che noi decidiamo di occupare in qualsiasi contesto della nostra vita, manderà a livello inconscio dei messaggi non verbali agli altri.

Pensiamo ad una persona che su un autobus tiene le gambe totalmente appiccicate, questo segno indica che la persona si sente a disagio e ha paura di essere invadente, invece una persona che tiene le gambe aperte è un segno che non ha paura a definire il proprio spazio, anche se alcuni potrebbero percepirla implicitamente come invadente.

Capire come funziona la Prossemica può essere di forte aiuto nelle relazioni sociali, dato che ha un’importante funzione nel giudizio che le persone danno agli altri.

Le 4 Distanze Interpersonali

Gli studi dell’antropologo Edward T. Hall sulla prossemica e sulle distanze interpersonali sono stati condotti principalmente attraverso l’osservazione dei comportamenti delle persone in diverse culture.

Hall ha notato che esistono quattro tipi distinti di spazio: intimo, personale, sociale e pubblico.

Attraverso le sue osservazioni, Hall ha scoperto che le persone di culture diverse hanno livelli diversi di comfort con diversi tipi di spazio.

Per esempio, gli americani tendono ad avere uno spazio personale più ampio rispetto alle persone di altre culture.

Grazie ai suoi studi, Hall ha potuto sviluppare una maggiore comprensione del modo in cui gli esseri umani interagiscono tra loro in contesti diversi che gli hanno permesso di elaborare il modello delle distanze interpersonali, che racchiudono le 4 tipologie di distanze che le persone assumono nei rapporti sociali:

PROSSEMICA: le 4 distanze Interpersonali

1. Distanza intima (0 – 45 cm)

Questo spazio può essere violato solo da persone con cui si ha un rapporto molto intimo e affettivo, come ad esempio un familiare o il partner.

Lo spazio intimo è riservato agli amici più stretti e ai membri della famiglia e di solito si trova a meno di 18 centimetri dal corpo di una persona.

Prova a pensare ad una persona che si avvicina con la faccia al viso di un’altra persona con tono aggressivo. Implicitamente lo fa proprio per farlo sentire minacciato, senza farsi scrupoli di violare il suo spazio.

2. Distanza personale (45 – 120 cm)

Lo spazio personale è un po’ più ampio, si estende da circa 45 cm a 120cm, ed è solitamente riservato alle persone con cui si ha familiarità.

Nel mondo occidentale rappresenta la distanza ideale per buona parte delle interazioni, e coincide con la distanza necessaria per una stretta di mano (Dai la mano a pesce lesso?).

Solitamente indica che tra i due interlocutori esiste un rapporto di amicizia e confidenza.

Se il tuo interlocutore non lo conosci possono esserci diverse reazioni violando questo spazio: da una parte potrebbe apprezzare per il fatto che tu voglia avvicinarti a lui, dall’altra potrebbe non apprezzare per il fatto che sei stato troppo invadente nei suoi confronti.

3. Distanza sociale (120 – 300 cm)

Lo spazio sociale si estende da 120 a 300cm ed è lo spazio utilizzato per le interazioni con i conoscenti.

Sono le distanze da adottare quando discuti con una persona con cui hai un rapporto formale e permette di trovare una situazione di comfort quando ti ritrovi a dover parlare a colloqui di lavoro o a trattative importanti

4. Distanza pubblica (oltre 3 m)

Lo spazio pubblico è quello che va oltre i 3 metri ed è tipicamente utilizzato per grandi riunioni o discorsi pubblici.

E’ la distanza che viene adottata nelle conversazioni in pubblico in cui è praticamente impossibile interagire con il singolo.
Esempi di conversazioni che usano questa distanza sono i comizi, oppure gli spettacoli.

Conclusioni

Quando ci si relaziona con altri è quindi importante riuscire a capire quale sia la distanza giusta da rispettare, in modo da non far sentire a disagio le persone.

Se vuoi approfondire ti suggerisco di scaricare queste Guide gratuite:

 Coltiva Assertività ed  Empatia in 3 Mosse

I Segreti per Comunicare con Successo

I 6 Segreti del linguaggio del Corpo

Pensa in Grande!

Alessandro Ferrari

Imprenditore | Consulente Aziendale | Formatore | Autore

Seguimi

Hey, ciao 👋 Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere i Nuovi Articoli nella tua casella di posta, ogni settimana.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Non condividiamo i tuoi dati con NESSUNO e potrai cancellarti in qualsiasi momento con un semplice click.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.