LINGUAGGIO DEL CORPO: LA MAPPA DELLE EMOZIONI

LINGUAGGIO DEL CORPO: LA MAPPA DELLE EMOZIONI

Vi fate spesso prendere dalle emozioni?

Vi è mai capitato di dire frasi del tipo:

Vedo tutto nero.

Sono rosso di vergogna.

Ho il cuore spezzato!”

“Sento un brivido lungo la schiena.”

Si potrebbe andare avanti con esempi all’infinito, eppure non sono tutte cose inventate dalla nostra mente per descrivere quello che proviamo. Queste espressioni avrebbero un significato ben preciso.

Infatti, dal punto di vista scientifico è stato dimostrato che le emozioni che proviamo si riflettono direttamente sul nostro corpo in aree ben specifiche, a seconda dello stato d’animo che in quel momento viviamo.

È quanto emerge dagli studi di un gruppo di ricercatori finlandesi che sono addirittura riusciti a tracciare una sorta di Mappa Universale delle Emozioni, nella quale ogni specifica sensazione scatena reazioni differenti nel nostro corpo, a seconda dell’energia e del calore sprigionati dal nostro organismo.

Lo studio è stato condotto su oltre 700 persone nella quali sono state stimolate le emozioni attraverso la visione di filmati, immagini e racconti. E in seguito sono state invitate a riferire quali zone del corpo sentivano maggiormente coinvolte e quali invece spente e poco reattive.

Ciò che è emerso è strabiliante: la mappa delle emozioni sarebbe universale e quindi indipendente dall’etnia e dall’appartenenza culturale. Ogni essere umano sperimenta in sé le medesime modalità di reazione ad una specifica emozione.

Dal punto di vista biologico i meccanismi emozionali servono al corpo per prepararsi ad affrontare eventuali sfide o situazioni di pericolo, come una specie di campanello di allarme.

Corpo e mente sono quindi inscindibilmente connessi da un legame molto stretto e l’uno influenza l’altro.

Nella mappa notiamo che quando un’emozione interessa una determinata parte del corpo sviluppa calore ed energia e secondo la scala cromatica, si colora dal rosso al giallo in base alla sua intensità. Le zone che invece non vengono sollecitate appaiono fredde con colori che vanno dal nero (neutralità) al blu azzurro.

Ecco allora che notiamo subito come emozioni forti e positive quali l’amore e la felicità sono in grado di scaldare e illuminare la maggior parte del nostro corpo, mentre quelle più negative (come depressione e tristezza ad esempio) spengono ogni scintilla vitale, lasciando il corpo freddo e poco reattivo.

Vediamo allora nel dettaglio cosa scatenano in noi le varie emozioni:

  1. RabbiaL’emozione della rabbia concentra tutta l’energia nella parte alta del corpo, in una sorta di bomba di astio e collera pronta ad esplodere, lasciando invece neutra la parte dall’addome in giù (ad eccezione di una piccola reazione dei piedi). In particolare risultano “infuocate” le mani e questo spiegherebbe il motivo per cui quando perdiamo le staffe ci viene l’istinto di battere i pugni ad esempio sul tavolo per scaricare la rabbia che sentiamo (Assertività: 5 Strategie Efficaci per gestire le Persone Difficili).
  2. PauraLa sensazione di paura spesso ci paralizza e siamo incapaci di reagire (le gambe e le braccia sono infatti inattive). L’energia determinata dall’adrenalina, si concentra in particolare nella parte superiore del corpo, testa e petto, soprattutto a livello del cuore. Quando abbiamo paura o siamo spaventati da qualcosa infatti, il nostro battito cardiaco accelera vertiginosamente e sembra quasi che il cuore ci salti fuori.
  3. DisgustoQuando qualcosa ci disgusta proviamo un vero e proprio senso di nausea. Ciò si vede chiaramente osservando la grande concentrazione di energia a livello della gola e degli organi addominali.
  4. FelicitàL’emozione della felicità è quella che tra tutte è in grado di accendere ed illuminare ogni parte del corpo. Quando siamo felici e di buon umore infatti, sprizziamo, come solitamente si dice, gioia ed energia da tutti i pori! E’ una sensazione di positività e benessere talmente grande ed incontenibile che il corpo la irradia ad ogni sua singola cellula vitale (Felicità: essere Felice dipende Solo da Te).
  5. TristezzaQuando siamo tristi e preoccupati per un problema che ci affligge, il nostro corpo reagisce spegnendo l’energia vitale da gran parte di esso. Da qui la famosa espressione pessimistica del “vedo tutto nero”. Tuttavia, pur essendo un’emozione negativa, la tristezza è passeggera poiché presenta una scintilla di energia a livello del cuore e della mente: la prova che non può piovere per sempre e che prima o poi torneremo a sorridere (cosa che invece accade con molta più difficoltà quando si è depressi, come vedremo tra poco). Resilienza: Toccare il fondo fa bene!
  6. SorpresaLa sorpresa ci coglie inaspettatamente e ci risveglia dal torpore della routine. Ecco perché il corpo che prima era neutrale e di colore nero, tutto ad un tratto come un faro nella notte, il sentirsi sorpresi di fronte ad un determinato fatto o azione, accende energia a livello del cuore e della mente, lasciandoci appunto stupiti e di stucco.
  7. NeutraleQuando siamo apatici e non proviamo alcuna emozione in particolare, il nostro corpo lo esprime chiaramente, rivelando un colore nero con punte di freddezza (blu) a livello dei polmoni e degli arti superiori ed inferiori.
  8. AnsiaLa sensazione di ansia concentra la maggior parte dei suoi effetti nella zona toracica, quasi a voler identificare un qualcosa che ci opprime il petto e il cuore, lasciandoci incapaci ed impotenti di agire. Gli arti superiori ed inferiori appaiono infatti inattivi e questo spiegherebbe appunto l’immobilismo generato dall’ansia.(Linguaggio del Corpo: 5 Segnali di Ansia nella Comunicazione)
  9. AmoreIl sentimento più intenso e nobile tra tutti provoca una tempesta esplosiva ed intensa di emozioni a livello della parte alta del corpo (testa, torace, arti) e fino al bacino e agli organi sessuali. Anche l’addome è pervaso da un turbinio di energia e questo spiegherebbe il senso di vuoto allo stomaco con le famose farfalle che sentiamo in presenza di qualcuno che ci piace. La parte delle gambe invece, è inspiegabilmente neutra: da qui si evince la tipica sensazione di camminare sospesi e con le gambe molli, che proviamo quando siamo vicini alla persona di cui siamo innamorati (Assertività: 5 regole per applicarla alla Vita di Coppia).
  10. DepressioneLa depressione annienta interamente ogni scintilla vitale, tanto che il corpo appare oltre che neutrale ad ogni stimolo (soprattutto a livello del cuore e dell’addome colorati di nero) anche freddo ed immobilizzato (colore blu azzurro) quasi a voler simboleggiare uno stato di ibernazione mentale dalla quale risulta difficilissimo uscire. Tra tutte le emozioni, la depressione è in assoluto la più negativa e difficile da mutare, proprio per la sua mancanza di reattività agli stimoli, cosa che invece la differenzia dal sentimento di tristezza, per il quale come abbiamo visto, pur essendo il corpo inattivo presenta comunque un barlume di energia a livello del cuore e della testa. (Felicità: Difenditi fai Vampiri Energetici!)
  11. DisprezzoQuando proviamo disprezzo per qualcuno l’unica zona del corpo coinvolta è la testa mentre tutto il resto del corpo risulta neutro, in particolare l’apparato sessuale che dimostra ancora maggior freddezza.
  12. OrgoglioQuando ci sentiamo orgogliosi il nostro petto si gonfia di orgoglio a tutti gli effetti. E’ infatti nella parte superiore del corpo (testa e cassa toracica) che si concentra tutta la nostra energia in un crescendo di soddisfazione e compiacimento per il risultato che abbiamo ottenuto o per la grande azione che abbiamo compiuto. Essere orgogliosi ci fa quindi stare bene perché è un’iniezione di adrenalina e benessere che nutre cuore e mente.
  13. VergognaCiò che salta subito all’occhio osservando la reazione del corpo quando prova un sentimento di vergogna, è la grande energia concentrata a livello del volto e delle guance in particolare. Ecco spiegato il motivo per cui quando ci vergogniamo abbiamo le guance rosse! Il resto del corpo è inattivo e anzi quasi freddo: è quindi talmente forte l’energia che si concentra a livello del volto che tutto il resto rimane immobile e sospeso.
  14. InvidiaIl sentimento dell’invidia ci infuoca letteralmente il volto e leggermente il cuore, quasi a voler dimostrare che è un’emozione che parte quasi totalmente dalla nostra mente.

Pensa in Grande!

Alessandro Ferrari


Author: Alessandro Ferrari

Autore, Imprenditore e Formatore esperto in Comunicazione, Tecniche di Vendita e Inbound Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *