Linguaggio del Corpo: stretta di mano a “Pesce Lesso”?

Stretta di mano a pesce lesso?

Ti infastidisci se qualcuno ti dà la mano a “pesce lesso”? La mano è fredda, viscida per il sudore, e la stretta di mano praticamente inesistente.

Come dico sempre durante i miei seminari: “Possiamo mentire con le parole ma non con il corpo“.

Il 55% di ciò che comunichiamo passa attraverso il linguaggio del corpo.

Perché, quindi, alcune persone ci danno la mano a “pesce lesso”?

Come la sua mano, spesso anche la persona che utilizza questo modo per dare la mano è sfuggente.

Tutto il suo comportamento è orientato verso la “fuga” e la fuggevolezza.

Spesso usa un tono di voce molto sommesso (bisbiglia), con una pronuncia quasi incomprensibile accompagnato da un contatto oculare praticamente inesistente.

C’è poi chi, addirittura, anzichè dare la mano offre le sole dita, con una stretta di mano decisamente blanda.

Questo atto è una forma stilizzata di “baciamano”; naturalmente la persona non si aspetta davvero che la sua mano venga baciata, ma vuole comunicare (più o meno inconsciamente) che si attende deferenza (si sente superiore) e che comunque non gradisce molto il contatto.

A volte si sbaglia addirittura la traiettoria e si finisce con il non afferrare la mano dell’altro ma solo il suo pollice.

Questo a volte succede per l’emozione ma può anche essere un evidente segno di imbarazzo o di soggezione.

Ma a volte è meglio evitare addirittura di dare la mano.

I venditori che si presentano senza un appuntamento (Visita a freddo) dovrebbero quasi sempre evitare di farlo a meno che dall’altra parte non si veda l’intenzione spontanea di darla.

Imporre la stretta di mano potrebbe causare imbarazzo, diffidenza e disturbo con conseguenze decisamente devastanti per la trattativa di vendita.

Il modo migliore per stringere la mano, è quello di porgere la mano sorridendo, stringendo saldamente per un periodo non troppo lungo (per non mettere in imbarazzo l’altra persona) e contemporaneamente presentarsi, magari aspettando prima che sia il nostro interlocutore a dire il suo nome per primo e poi ripeterlo presentandoci a nostra volta.

Il suono più gradevole che ogni essere umano possa sentire è il proprio nome ed ecco perchè ripetere il nome del nostro interlocutore in fase di presentazione, contribuisce a creare sin da subito un clima disteso e positivo.

La sorprendente storia e il significato della stretta di mano

Tutti sappiamo cos’è una stretta di mano. Ma quanti di noi sanno da dove viene questo semplice gesto? O quale sia il suo vero significato?

Esploreremo ora la storia e il significato sorprendente della stretta di mano. Daremo anche un’occhiata a come le diverse culture interpretano questo gesto.

Se siete appassionati di storia o semplicemente curiosi di conoscere le usanze culturali, continuate a leggere per saperne di più su questo gesto onnipresente.

Le origini della stretta di mano

Gli storici ritengono che il gesto di “dare la mano” risalga a tempi antichi. Una teoria è che sia nata come un modo per dimostrare che entrambe le parti erano disarmate. In altre parole, stringendosi la mano, due persone potevano dimostrare di non essere armate. Questo aiutava a promuovere la fiducia e a evitare i conflitti.

Con il tempo, il dare mano si è evoluto in un gesto di buona volontà. Nell’Europa medievale, ad esempio, i cavalieri si stringevano spesso la mano in segno di cavalleria. Nell’Inghilterra elisabettiana, invece, ci si stringeva la mano per suggellare gli affari

Dare la mano: che significato ha oggi?

Nei tempi moderni, la stretta di mano è ancora usata come gesto di buona volontà. È considerata un segno di rispetto e un’indicazione della volontà di entrambe le parti di collaborare. In alcune culture, una stretta di mano forte è vista anche come un segno di fiducia

Tuttavia, il significato della stretta di mano può variare a seconda della cultura. Ad esempio, in alcune zone dell’Asia è considerato scortese stabilire un contatto visivo prolungato mentre si stringe la mano. Nei Paesi arabi, inoltre, gli uomini si salutano spesso con un lungo abbraccio invece che con una stretta di mano.

Le differenze tra Uomini e Donne

Anche quando si stringono la mano, uomini e donne tendono a differenziarsi nel modo in cui si approcciano alla stretta di mano. Gli uomini sono in genere più assertivi, usano una presa più salda e stabiliscono un contatto visivo diretto.

Le donne, invece, usano spesso un tocco più leggero e possono distogliere lo sguardo. Queste differenze possono essere attribuite alle norme culturali relative ai ruoli di genere. In molte società ci si aspetta che gli uomini siano dominanti e aggressivi, mentre le donne dovrebbero essere pudiche e sottomesse.

Di conseguenza, uomini e donne imparano a stringere la mano in modo conforme a queste aspettative. Naturalmente ci sono sempre delle eccezioni alla regola, ma in generale uomini e donne tendono ad approcciarsi alla stretta di mano in modo diverso.

Conclusioni

Ecco la storia e il significato sorprendente dell’umile gesto di dare la mano! Che la si usi per concludere affari o semplicemente per salutare amici e familiari, questo gesto non sembra destinato a perdere presto il suo posto nella nostra cultura.

Mi farà molto piacere se, dopo aver letto questo articolo, vorrete lasciare un vostro commento sul blog.

Vi lascio con una massima di Peter Drucker:

“Il modo che avete di vedere le persone influenzerà il modo che avete di trattarle e il modo in cui le tratterete si ripercuoterà su ciò che diventeranno.”

Comunicare & Vendere con Successo

5 commenti su “Linguaggio del Corpo: stretta di mano a “Pesce Lesso”?

  1. Raffaella Rispondi

    Buongiorno, in questo periodo siamo “esentati” dal porgere la mano, però chiedo: se una delle due persone è più alta è conveniente che porga la mano senza piegare il gomito o che inclini il busto per proporsi al altezza giusta?

  2. Pingback: VUOI FARE UNA BUONA IMPRESSIONE? USA LA COMUNICAZIONE EFFICACE - Alessandro Ferrari

  3. Pingback: QUINTA LEZIONE: LA PROSSEMICA - Alessandro Ferrari

  4. Pingback: SESTA LEZIONE: I GESTI DELLE MANI - Alessandro Ferrari

  5. Pingback: PROSSEMICA: LE 4 DISTANZE INTERPERSONALI - Alessandro Ferrari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.