L’ascolto è la forma più potente di comunicazione

L'ascolto è la forma più potente di comunicazione

Conosciamo tutti il vecchio detto: “Non è importante quello che dici, ma come lo dici” Sebbene sia vero, c’è un’abilità comunicativa ancora più importante che spesso viene trascurata: l’ascolto

Certo, tutti sappiamo ascoltare. Ma l’ascolto attivo?

Questa è un’abilità che richiede un certo sforzo per essere padroneggiata.

Eppure, è di gran lunga la forma di comunicazione più importante.

Perché?

Perché quando ascoltiamo veramente qualcuno, gli dimostriamo che lo rispettiamo e che apprezziamo la sua opinione. Apriamo le linee di comunicazione e gettiamo le basi per una relazione forte, costruita sulla fiducia e sul rispetto reciproco

D’altro canto, quando non ascoltiamo, chiudiamo di fatto la comunicazione e compromettiamo ogni possibilità di avere una conversazione produttiva.

Quindi, se volete davvero migliorare le vostre relazioni – sia con il vostro capo, sia con i vostri colleghi, sia con i vostri amici e familiari – dovete imparare a essere un ascoltatore migliore.

Prima però cerchiamo di capire la differenza sostanziale tra “Sentire” e “Ascoltare”

La differenza tra sentire e ascoltare: Una guida completa

Quando si parla di comunicazione, c’è una grande differenza tra sentire e ascoltare. Il fatto che si riesca a sentire qualcuno non significa che lo si stia veramente ascoltando.

L’ascolto è una cosa diversa dal sentire

Per essere un comunicatore efficace, è necessario essere in grado di fare entrambe le cose.

Ecco una guida completa sulla differenza tra sentire e ascoltare, con tanto di esempi.

Sentire e ascoltare: Qual è la differenza?

L’udito è la capacità di rilevare fisicamente le onde sonore che attraversano l’aria e arrivano all’orecchio. Da lì, queste onde sonore vengono convertite in impulsi elettrici che vengono inviati al cervello dove vengono interpretati come significato

Sentiamo continuamente delle cose, sia che vi prestiamo attenzione consapevolmente sia che non lo facciamo.

Per esempio, potreste essere seduti in ufficio a lavorare su un progetto quando improvvisamente sentite squillare il cellulare del vostro collega.

Anche se non stavate cercando di ascoltarlo attivamente, il vostro cervello ha registrato il suono e lo ha interpretato come qualcosa di abbastanza importante da giustificare la vostra attenzione

L’ascolto, invece, è un processo attivo che richiede attenzione e concentrazione.

Quando si ascolta veramente qualcuno, non ci si limita a sentire le parole che dice, ma si cerca anche di capire il messaggio che trasmette. Ciò include la considerazione del linguaggio del corpo, del tono di voce e della scelta delle parole

Può essere facile sentire qualcuno senza ascoltarlo veramente.

Per esempio, immaginate di essere appena tornati a casa dopo una lunga giornata di lavoro e che il vostro partner vi accolga alla porta con le notizie sulla sua giornata.

Anche se lo sentite parlare, è probabile che non lo stiate ascoltando davvero, perché state pensando alla cena o a quello che dovete fare domani, invece di concentrarvi su quello che vi sta dicendo

La differenza tra sentire e ascoltare: 4 punti chiave

  1. L’udito è un processo passivo, mentre l’ascolto è un processo attivo
  2. L’udito non richiede concentrazione, mentre l’ascolto sì
  3. Quando sentiamo qualcosa, registriamo solo le parole che vengono dette, mentre quando ascoltiamo cerchiamo di capire il messaggio che viene trasmesso
  4. Possiamo sentire senza ascoltare, ma non possiamo ascoltare senza prima aver sentito

Sentire e ascoltare possono sembrare la stessa cosa, ma in realtà si tratta di due processi molto diversi.

Se volete essere un comunicatore efficace, è importante che conosciate la differenza tra sentire e ascoltare, in modo da assicurarvi che il vostro messaggio venga recepito correttamente.

Le basi dell’ascolto attivo

L’ascolto attivo è un tipo di ascolto che richiede che l’ascoltatore si impegni completamente con l’oratore e comprenda il suo messaggio, sia a livello verbale che non verbale. Comporta anche la fornitura di un feedback all’oratore per fargli capire che sta ascoltando e comprendendo ciò che sta dicendo

Alcuni suggerimenti per essere un ascoltatore attivo migliore sono

  • Stabilire un contatto visivo con l’oratore e mantenere una postura aperta
  • Non interrompere l’oratore: lasciare che finisca quello che ha da dire prima di rispondere
  • Prestare attenzione sia a ciò che l’oratore dice sia al modo in cui lo dice (tono di voce, linguaggio del corpo, ecc.)
  • Fate domande di chiarimento se non capite qualcosa
  • Ripetete ciò che avete sentito per assicurarvi di aver capito bene
  • Evitare di fare supposizioni su ciò che l’oratore sta cercando di dire
  • Evitare un linguaggio giudicante o parole che possano far sentire l’interlocutore sulla difensiva
    Riconoscere le emozioni che vengono espresse

A volte le persone hanno bisogno di essere ascoltate, sia che siano arrabbiate, turbate, felici o eccitate per qualcosa.

Per far sì che si sentano ascoltate, dobbiamo riconoscere le emozioni che esprimono.

Questo non significa che dovete essere d’accordo con tutto quello che dicono, ma solo che riconoscete quello che provano oltre a quello che dicono.

Per esempio, invece di dire “Calmati”, che invalida i loro sentimenti, provate a dire “Vedo che ti senti molto frustrato” o “Sembra che tu ti senta sopraffatto”

Approfondiamo ulteriormente i benefici dell’ascolto attivo con 5 Tecniche molto potenti

5 tecniche di ascolto attivo che aiutano a relazionarsi in modo assertivo con le persone

Abbiamo già visto quanto imparare ad ascoltare sia una delle abilità più importanti che si possano acquisire.

Non solo perchè vi aiuterà a capire meglio le persone che vi circondano, ma vi permetterà anche di relazionarvi con loro in modo più assertivo.

Dopo tutto, la comunicazione è una strada a doppio senso. Se volete che le persone vi ascoltino, dovete prima imparare ad ascoltare loro

L’ascolto attivo in 5 passi

1. Prestare attenzione.

Questo potrebbe sembrare ovvio, ma vale la pena ripeterlo. Quando qualcuno vi parla, assicuratevi di prestargli tutta la vostra attenzione.

Ciò significa che non bisogna distrarsi (mettere giù il telefono, concentrarsi sull’interlocutore, ecc.) e non bisogna interrompere (lasciare che finisca quello che sta dicendo prima di iniziare a parlare).

L’ascolto attivo richiede di essere presenti nel momento e di impegnarsi con la persona che sta parlando

2. Ascoltare per capire.

Non è sufficiente ascoltare ciò che l’interlocutore dice, ma è necessario comprendere effettivamente ciò che sta cercando di comunicare.

A tal fine, potreste voler chiarire i punti o fare domande. Per esempio, se qualcuno vi dice che si sente sovraccarico al lavoro, potreste chiedergli da quanto tempo si sente così o che cosa in particolare gli causa stress.

Fare domande dimostra che siete interessati a ciò che hanno da dire e che volete capire il loro punto di vista

3. Dimostrare che si sta ascoltando.

Oltre a sentire e capire ciò che qualcuno dice, è importante anche mostrargli che lo state ascoltando. Questo può avvenire attraverso segnali verbali e non verbali.

Per esempio, quando qualcuno parla, annuite con la testa o stabilite un contatto visivo con lui; questi piccoli gesti fanno capire all’interlocutore che siete interessati a ciò che sta dicendo.

Potete anche usare affermazioni riflessive come “capisco” o “mi dispiace” per segnalare che state ascoltando le loro parole ed entrando in empatia con la loro situazione

4. Siate pazienti e aperti.

Ogni conversazione è un’opportunità di apprendimento e di crescita, ma solo se la affrontiamo con pazienza e apertura mentale. Cercate di non opporvi a ciò che l’altro ha da dire, anche se non siete d’accordo; ricordate che ognuno ha una prospettiva diversa.

E invece di mettervi sulla difensiva o di cercare di dimostrare il vostro punto di vista, ascoltate veramente ciò che l’altra persona ha da dire. Solo così sarà possibile una conversazione produttiva

5. Evitare di fare supposizioni.

Quando diamo per scontato di sapere cosa pensa o prova una persona, spesso chiudiamo la nostra capacità di ascoltarla davvero. Invece di presumere di saperne di più, date all’altra persona la possibilità di spiegarsi completamente.

Solo così si può capire veramente da dove viene

I benefici dell’ascolto attivo

I vantaggi di essere un buon ascoltatore sono innumerevoli, sia nella vita personale che in quella professionale.

Quando ascoltiamo attivamente, dimostriamo agli altri che li rispettiamo e che apprezziamo la loro opinione; creiamo fiducia e gettiamo le basi per relazioni produttive.

Inoltre, diventiamo migliori comunicatori perché comprendiamo meglio il punto di vista degli altri, il che può aiutarci a trovare un terreno comune e a risolvere i conflitti in modo più efficace.

Infine, l’ascolto attivo può anche renderci leader migliori, perché ci permette di entrare in contatto con i membri del nostro team a un livello più profondo e di comprendere meglio le loro esigenze e motivazioni.

L'ascolto attivo

Conclusioni:

Come potete vedere, l’ascolto attivo è uno strumento di comunicazione incredibilmente potente, che non deve essere trascurato o sottovalutato.

Se volete davvero migliorare le vostre relazioni, sia personali che professionali, impegnatevi oggi stesso a diventare un ascoltatore migliore!

Sarete contenti di averlo fatto!

Comunicare & Vendere con Successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.