Cos’è il bias cognitivo e come può influenzare il nostro processo decisionale?

Cos'è il bias cognitivo

Tutti noi prendiamo decisioni ogni giorno, dalla scelta di guardare un film o leggere un libro alla decisione di quale strada prendere per tornare a casa. Ma vi siete mai soffermati a pensare a come prendiamo queste decisioni? In particolare, vi siete mai soffermati a considerare i pregiudizi cognitivi che potrebbero influenzare il vostro processo decisionale? In questo post esamineremo cos’è il bias cognitivo e come influenza il nostro processo decisionale e cosa possiamo fare per assicurarci che le nostre decisioni siano corrette

Che cos’è il bias cognitivo?

Il bias cognitivo è un modello sistematico di deviazione del giudizio che si verifica quando le persone elaborano e interpretano le informazioni. Spesso si verifica senza che ce ne rendiamo conto e può portarci a trarre conclusioni errate.

Esistono diversi tipi di pregiudizi cognitivi, ma alcuni dei più comuni sono il pregiudizio di conferma, il pregiudizio di ancoraggio, l’euristica della disponibilità, l’effetto cornice, il pregiudizio del senno di poi e il pregiudizio dell’eccesso di fiducia

Origine e studi sul Bias Cognitivo

I bias cognitivi sono un’area di ricerca che si è rapidamente evoluta nell’ultimo secolo. I bias cognitivi considerano il modo in cui le persone percepiscono e formano giudizi, spesso nel contesto del processo decisionale.

Originariamente il concetto è stato esplorato nel campo della psicologia e dei processi neurocognitivi, ma da allora i Bias Cognitivi sono stati sempre più studiati da studiosi di marketing, economia e anche di altre aree come le scienze politiche.

L’obiettivo della ricerca sui bias cognitivi è identificare gli errori sistemici o le influenze distorsive sulla nostra capacità di formulare giudizi validi. I bias cognitivi possono assumere diverse forme: influenze sociali, difetti logici o carenze psicologiche, tutti elementi che distorcono le nostre decisioni in modo potenzialmente ingannevole.

Queste scoperte possono aiutarci a riconoscere e a capire meglio come i bias possono portarci fuori strada, portando a un processo decisionale più obiettivo.

Gli studi sui bias cognitivi continuano a pubblicare nuove scoperte che fanno luce sul modo in cui gli atteggiamenti e le convinzioni su determinati argomenti vengono modellati da una serie di stimoli esterni.

Con la continua crescita dei bias cognitivi come campo di studio, è lecito aspettarsi progressi nella comprensione che potrebbero avere importanti implicazioni per la società in generale.

10 Bias Cognitivi che ti Incasinano la vita

1. Bias cognitivo di conferma:

il bias di conferma si riferisce alla tendenza delle persone a cercare informazioni che confermino le loro convinzioni o ipotesi esistenti piuttosto che cercare informazioni che potrebbero potenzialmente confutare tali convinzioni o ipotesi.

Questo tipo di pregiudizio può essere molto pericoloso perché può portarci sulla strada sbagliata quando prendiamo delle decisioni, poiché cerchiamo solo le prove che supportano il nostro sistema di credenze già consolidato

2. Bias cognitivo di ancoraggio:

il bias di ancoraggio si riferisce alla tendenza delle persone a fare troppo affidamento su un’informazione (l'”ancora”) quando prendono una decisione.

Ad esempio, se durante una trattativa qualcuno presenta un’offerta iniziale che sembra allettante ma che in realtà non è in linea con quella che sareste disposti ad accettare, potreste ritrovarvi a pensare in questo modo mentre la trattativa prosegue, anche se ciò non è necessariamente nel vostro interesse.

3. Euristica della disponibilità:

l’euristica della disponibilità si riferisce alla tendenza delle persone a basare i propri giudizi su informazioni facilmente reperibili piuttosto che su fatti o statistiche più rilevanti.

Ad esempio, se si sente parlare di un recente picco di criminalità nel proprio quartiere, si potrebbe pensare che il tasso di criminalità nella propria zona sia aumentato di recente, anche se in realtà potrebbe essere rimasto relativamente stabile nel tempo.

4. Effetto Framing:

L’effetto framing si verifica quando le nostre decisioni sono influenzate dal modo in cui la decisione viene presentata (o “incorniciata”).

Ad esempio, se qualcuno cercasse di vendervi qualcosa e vi presentasse due opzioni, una inquadrata come una perdita (ad esempio, “Non perdere questa opportunità!”) e una inquadrata come un guadagno (ad esempio, “Cogli questa grande opportunità!”), potreste essere più inclini a scegliere l’opzione inquadrata come un guadagno, anche se entrambe le opzioni sono oggettivamente uguali da un punto di vista economico.

5. Bias cognitivo del senno di poi:

il bias del senno di poi si verifica quando le persone sopravvalutano la loro capacità di aver previsto certi eventi dopo che si sono verificati, perché ora hanno accesso a informazioni che non avevano prima che l’evento si verificasse (ad esempio, “il senno di poi è 20/20”).

Questo tipo di pregiudizio può portarci fuori strada quando valutiamo le decisioni passate, perché potremmo essere eccessivamente fiduciosi nelle nostre capacità grazie all’accesso a un numero maggiore di dati rispetto a quelli che avevamo a disposizione al momento di prendere le decisioni.

6. Pregiudizio di eccesso di fiducia:

il pregiudizio di eccesso di fiducia si verifica quando le persone sopravvalutano le proprie capacità o il proprio livello di conoscenza rispetto agli altri intorno a loro o rispetto alla realtà stessa.

Questo tipo di pensiero distorto può indurre a correre rischi inutili, poiché ci si sente eccessivamente sicuri delle proprie capacità senza considerare i potenziali svantaggi associati a determinate azioni.

Le persone tendono anche a sopravvalutare il proprio livello di conoscenza, il che potrebbe indurle a credere a ipotesi errate su determinati argomenti o situazioni basate esclusivamente sulla propria comprensione, anziché cercare ulteriori input da altre fonti prima di prendere decisioni critiche.

7. La fallacia del giocatore d’azzardo:

È la convinzione che un certo evento sia più probabile perché non è accaduto di recente o perché è accaduto spesso in passato. Per superare questo pregiudizio, cercate di concentrarvi sui fatti invece che sulle sensazioni su ciò che accadrà in seguito

8. L’effetto bandwagon:

Conosciuto anche come groupthink, questo pregiudizio si verifica quando le persone si formano un’opinione in base a ciò che pensano o fanno gli altri, invece di formarsi una propria opinione in modo indipendente. Per evitare di cadere in questa trappola, ricordate di rimanere fedeli ai vostri valori e alle vostre convinzioni, indipendentemente da ciò che gli altri credono o fanno intorno a voi.

9. Avversione alle perdite:

di fronte a una situazione rischiosa, gli esseri umani sono più propensi a evitare le perdite che a perseguire i guadagni, a causa dell’avversione alle perdite. Per contrastare questa tendenza, provate a correre dei rischi al di fuori della vostra zona di comfort: questo vi aiuterà a diventare meno avversi al rischio nel tempo.

10. Bias Cognitivo del risultato :

Questo tipo di pregiudizio cognitivo consiste nel giudicare qualcuno o qualcosa basandosi esclusivamente sui risultati, senza considerare il contesto o le circostanze coinvolte nel raggiungimento di tali risultati.

Per evitare i pregiudizi sui risultati in voi stessi o negli altri, assicuratevi di considerare sempre in egual misura sia i successi che i fallimenti prima di formulare giudizi sulle prestazioni o sui tratti caratteriali.

I bias cognitivi sono una parte inevitabile della vita, ma conoscerli può aiutarci a prendere decisioni migliori e a condurre una vita più soddisfacente! Imparando a conoscere meglio questi 10 pregiudizi cognitivi comuni – e riconoscendo come possono influenzare il nostro modo di pensare – possiamo lavorare in modo proattivo per correggerli, al fine di diventare migliori decisori in generale!

Con sufficiente pratica e impegno, chiunque può imparare a mitigare l’impatto che questi pregiudizi inconsci hanno sulla nostra vita quotidiana!

Conclusioni:

Comprendendo a fondo cosa sono i Bias Cognitivi e come possono influenzare il nostro processo decisionale, diventa più facile per tutti noi imparare a non caderne vittima, pur essendo in grado di riconoscere quando gli altri potrebbero invece esserne vittime.

Essere consapevoli dei propri pregiudizi cognitivi ci aiuta a garantire che stiamo prendendo decisioni valide basate su processi di pensiero razionali e che non lasciamo che le emozioni o le nozioni preconcette le influenzino troppo pesantemente.

Inoltre, riconoscendo quando gli altri potrebbero cadere nella trappola dei pregiudizi cognitivi, possiamo aiutarli a tornare sulla strada giusta e fornire indicazioni utili lungo il percorso. In definitiva, la comprensione dei pregiudizi cognitivi ci permette di prendere decisioni migliori.

Approfondisci con la Guida Gratuita – “Assertività ed Empatia in 3 mosse”

Comunicare & Vendere con Successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.