ASSERTIVITÀ: RIDUCI LA RABBIA IN 10 MOSSE

Assertività

Ritorno con piacere a parlare di Assertività

In questo post vorrei affrontare il tema della rabbia e di quei momenti in cui tutto va storto e vorremmo scappare via o peggio, prendercela con qualcuno.

La rabbia è un’emozione naturale che tutti noi proviamo di fronte agli eventi che non vanno proprio come avevamo immaginato.

È un riflesso del comportamento aggressivo, al quale invece si oppone la passività di coloro che restano immobili ed inermi davanti a situazioni in cui normalmente si tenderebbe ad arrabbiarsi.

L’Assertivo invece è in grado di smorzare il fuoco dell’ira e di riprendere subito il controllo di sé stesso, risolvendo così il momento critico con fare costruttivo e riportando il benessere per sé e per coloro che gli sono vicino.

Quando pensiamo alle persone molto colte che hanno dato un grande contributo all’umanità, crediamo siano persone che sono riuscite a fare tutto quello che hanno fatto solo grazie alle loro forze. In realtà molto spesso anche le persone più intelligenti hanno bisogno della spalla di altri giganti per poter compiere le loro opere straordinarie.

Questo per dire che l’assertività è una qualità che si può imparare e per questo motivo oggi voglio riportati i 10 suggerimenti per ridurre la rabbia offerti da Redford e Virginia Williams nel libro Anger Kills.

LE 10 MOSSE ANTI-RABBIA PER RITROVARE LA TRANQUILLITÀ

1. Migliora i tuoi rapporti con gli altri

È molto più facile a dirsi che a farsi, infatti fare attività che ci coinvolgano emotivamente in senso positivo, come ad esempio il volontariato oppure prendersi cura di un animale domestico, non può che abbassare le tensioni.

Anche imparare ad essere meno rigidi in certe situazioni ed essere più tolleranti senza arrivare a sottomettersi può essere molto utile per ridurre la rabbia. (Assertività: 5 strategie efficaci per gestire le persone difficili)

2. Vivi come se oggi fosse l’ultimo giorno che ti resta da vivere

No, non ti sto dicendo di andare in giro facendo le corna per scaramanzia, ma piuttosto di vivere sempre la tua vita al meglio delle tue possibilità.

E non dimenticare il senso dell’umorismo e soprattutto non prenderti sempre troppo sul serio, ridere di se stessi a volte è un ottimo toccasana.

3. Rilassati

Quando le persone sono stressate sono anche più facilmente irritabili, per questo motivo cerca di andare in posti tranquilli e rilassanti, come ad esempio in un parco o in campagna. Bastano anche pochi minuti al giorno, con una bella passeggiata nel verde, per avvertire subito l’effetto positivo che ci dà il contatto con la natura.

4. Fidati degli altri

Nella vita bisogna imparare ad avere fiducia nelle altre persone. Se hai fiducia in te stesso vedrai che sarà molto più facile, se invece non ce l’hai è meglio che prima ti concentri sull’aumento e il perfezionamento della tua autostima.

È molto importante che prima di parlare impari ad ascoltare ciò che ti viene detto, dopo sei libero di fare le tue valutazioni razionali, ma a volte ascoltare gli altri significa anche capire il loro punto di vista e rendersi

conto che è umano, per questo motivo non c’è bisogno di aggredirlo!

Cercare di calarsi nei panni degli altri per comprenderne emozioni e punti di vista è proprio ciò che si insegna l’Empatia, di cui vi parlo spesso.

5. Trova un migliore amico

È fondamentale avere una persona su cui sappiamo di poter sempre contare, ma ovviamente l’amicizia deve essere coltivata sempre e non solo nel momento del bisogno!

6. Ridi di te stesso

Nel secondo punto ti ho detto di non prenderti troppo sul serio, non solo devi fare questo ma devi anche ridere di te stesso, anche se talvolta non è per niente semplice.

Eppure ridere di se stessi significa piacersi non solo per i propri pregi ma anche per i propri difetti, e una persona che si accetta per quello che è, può dire di aver raggiunto un equilibrio ottimale per stare bene con se stessa e di riflesso anche con gli altri.

7. Fai meditazione

Anche la meditazione può essere molto utile per riuscire a gestire la rabbia, infatti ti permette di esplorare il tuo essere interiore e di comprendere meglio cosa ti porta ad infuriarti con gli altri.

8. Cerca di essere empatico con gli altri

Prima ho detto che è importante ascoltare ciò che gli altri dicono, ma lo è anche mettersi nei panni altrui e capire non solo il loro punto di vista ma anche il loro stato d’animo.

Infatti quando le persone sono alterate possono arrivare a dire cose che normalmente non direbbero! Ecco perché ti consiglio di sviluppare una tua sensibilità empatica per affrontare meglio i momenti in cui vorresti perdere le staffe.

9. Sii tollerante

Ogni persona ha un suo personale modo di vivere e anche all’interno di una stessa cultura possono esistere modi di vivere completamente diversi.

Può quindi essere utile osservare il più possibile l’intera varietà di persone che ci circondano per imparare qualcosa di nuovo e diventare più aperti a realtà differenti.

10.Perdona

Non essere sempre convinto che gli avvenimenti brutti della tua vita dipendano unicamente dagli altri, anzi così come tu commetti degli errori anche gli altri possono farlo. (Felicità – Essere felice dipende solo da te!)

Conclusioni

Essere tranquilli in ogni situazione, senza farsi prendere dalla collera, è molto importante se vogliamo coltivare l’assertività al meglio.

Spero che queste 10 mosse possano esservi utili per gestire con efficacia i vostri momenti di rabbia, ma sopratutto per lavorare su voi stessi e per raggiungere quell’equilibrio assertivo che vi renderà persone migliori.

Se vuoi approfondire ti suggerisco di scaricare queste Guide gratuite:

 Coltiva Assertività ed  Empatia in 3 Mosse

I Segreti per Comunicare con Successo

I 6 Segreti del linguaggio del Corpo

Pensa in Grande!

Alessandro Ferrari

Imprenditore | Consulente Aziendale | Formatore | Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.