Allena Corpo e Voce per Vincere la Paura di Parlare in Pubblico

Vincere la Paura di Parlare in Pubblico

Il nostro corpo, come la memoria, ha bisogno di allenamento e riscaldamento mirati anche per vincere la Paura di Parlare in Pubblico (Glossofobia). Non basta conoscere il discorso a memoria, bisogna saperlo comunicare con voce e corpo. Prima di una presentazione è sempre bene non solo ripassare il proprio testo ma essere convinti delle proprie capacità e qualità.

Per vincere la paura di parlare in pubblico è importante, quindi, lavorare sullo strumento principale: il nostro corpo. Tenerlo allenato, eseguire degli esercizi per migliorare il linguaggio, l’articolazione, il portamento della voce e la presenza scenica, tutto questo ti farà acquisire maggior sicurezza e, di conseguenza, migliorerà le tue performance.

10 motivi per cui le persone hanno paura di parlare in pubblico (e come superarli)

Se state leggendo questo articolo, è molto probabile che abbiate paura di parlare in pubblico. Non siete soli. Infatti, gli studi dimostrano che fino al 75% delle persone soffre di una qualche forma di glossofobia, o paura di parlare in pubblico

Perché così tante persone hanno paura di parlare davanti agli altri? Le ragioni sono molteplici. In questo articolo esploreremo 10 dei più comuni e offriremo alcuni consigli pratici su come superarli.

1. Paura del giudizio.

Tutti vogliamo essere apprezzati e accettati, quindi è naturale preoccuparsi di ciò che gli altri penseranno di noi quando parliamo in pubblico. Purtroppo, questa paura può impedirci di dare il meglio di noi stessi e di raggiungere i nostri obiettivi

2. Paura di fallire.

Nessuno vuole sbagliare davanti agli altri, soprattutto se stiamo cercando di promuovere noi stessi o la nostra attività. Questa paura può essere paralizzante, ma è importante ricordare che tutti commettono errori, anche le persone di maggior successo al mondo

3. Paura dell’ignoto.

Quando non sappiamo cosa ci aspetta, è facile lasciare che la nostra immaginazione si scateni ed evocare ogni sorta di scenario peggiore. Questo è particolarmente vero quando si tratta di parlare in pubblico, poiché la maggior parte di noi non ha mai ricevuto una formazione formale su come farlo in modo efficace

4. Paura dell’imbarazzo.

Tutti ci siamo sentiti in imbarazzo a un certo punto della nostra vita e il pensiero di rivivere quell’esperienza è sufficiente a far venire la nausea a chiunque. Ma ricordate che tutti fanno gaffe di tanto in tanto: il segreto è riprendersi rapidamente e andare avanti

5. Paura di essere scoperti come impostori.

Molte persone che soffrono di sindrome dell’impostore temono di essere smascherate come truffatrici se si avventurano troppo al di fuori della loro zona di comfort – e parlare in pubblico è sicuramente al di fuori della zona di comfort della maggior parte delle persone!

6. Paura del rifiuto.

Come la paura del giudizio, la paura del rifiuto è un’altra ragione comune per cui le persone evitano di parlare in pubblico. Non ci piace l’idea di essere rifiutati dai nostri coetanei, ma teniamo presente che non a tutti piacerà o sarà d’accordo con tutto ciò che diciamo: fa parte della vita

7. Paura di sembrare sciocchi.

Questo aspetto è strettamente legato alla paura dell’imbarazzo, ma vale la pena menzionarlo separatamente perché è una preoccupazione molto comune tra gli aspiranti oratori pubblici. Nessuno vuole apparire sciocco davanti agli altri, ma ricordate: se inciampate e cadete mentre salite sul podio, probabilmente tutti rideranno, ma probabilmente se ne dimenticheranno nel giro di pochi minuti. Quindi non lasciate che la possibilità di sembrare sciocchi vi impedisca di raggiungere i vostri obiettivi.

8. Paura dell’altezza.

Ok, questo potrebbe sembrare un po’ inverosimile, ma per alcune persone l’idea di salire su un palco o su un podio può scatenare una vera e propria paura dell’altezza. Se questo è un problema che vi affligge, provate a partecipare a qualche evento in cui potete guardare gli altri parlare dall’alto prima di fare voi stessi il grande passo.

9. Paura della folla.

Molti introversi soffrono di ansia quando sono circondati da grandi gruppi di persone e questo può rendere il parlare in pubblico particolarmente scoraggiante. Ma anche se non vi considerate introversi, è normale che vi sentiate nervosi quando vi rivolgete a una folla di sconosciuti. Il segreto è non farsi prendere dai nervi e la pratica rende perfetti!

10. Paura di volare.

Per alcune persone, arrivare all’evento stesso può essere metà della battaglia. Se soffrite di aviofobia (paura di volare), guidare potrebbe non essere un’opzione, e prendere i mezzi pubblici può essere altrettanto stressante.

In questo caso, provate a partecipare a un evento locale o a una sessione di pratica per prendere confidenza con l’idea di parlare di fronte ad altri prima di avventurarvi troppo al di fuori della vostra zona di comfort.

Insomma, parlare in pubblico è una delle paure più comuni delle persone, ma non deve essere qualcosa che vi frena. Comprendendo il motivo della vostra paura e adottando misure per superarla, sarete sulla buona strada per diventare un oratore pubblico sicuro e di successo!

Ecco degli esercizi pratici mirati alla preparazione di voce e corpo che ti aiuteranno a concentrarti, rilassarti e a migliorare le tue presentazioni!

Più sicurezza con l’allenamento

Risveglia il tuo corpo

Se il corpo è allenato, respiro corto, ansia, paura di mangiarsi le parole e agitazione, non saranno più un problema. Il primo esercizio, che racchiude tre momenti di lavoro, è proprio una sveglia! Inizia a dare un po’ di carica al tuo corpo e la tua mente si tranquillizzerà di conseguenza. 

In piedi: gambe allineate alla larghezza delle spalle e leggermente piegate, testa dritta, spalle aperte. Inizia con dei piccoli movimenti circolari del collo, tre giri in un senso e poi nell’altro. Dopo aver rilassato il collo, inizia a darti dei piccoli colpetti con le mani sulla nuca, sul collo, e poi via su torace, braccia, spalle ecc… fino ai piedi. Una volta finito, torna in posizione eretta e fai tre saltelli sul posto.

Il nostro corpo adesso è sveglio. Non ci resta che passare allo strumento più importante: la voce. Inizia a massaggiare tempie, guance e mandibola con dei movimenti circolari delle mani. Una volta massaggiate le tre zone, rilassa i muscoli facciali: inspira con il naso, ed espirando fai vibrare le labbra, ma senza la smorfia della lingua. Ripetere 5 volte.

Adesso fai finta di avere una mela in mano, portala alla bocca, addentala e masticala. Mima il tutto esagerando con i movimenti della bocca. Dopo aver mangiato tutta la mela, passa la lingua fra i denti per pulirli bene: passa la lingua nella parte esterna dei denti, sopra e sotto, e nella parte interna. Una volta finita la pulizia, fai una linguaccia e muovi la lingua con un movimento circolare intorno alle labbra. Tre giri da un lato e tre giri dall’altro.

Questi esercizi ti aiutano a riattivare i muscoli del corpo e a rilassare tutti quelli di volto e lingua in modo da riuscire a pronunciare le parole in modo fluido, senza impappinarti e mangiarti le parole.

Prima di entrare in scena

Adesso che i muscoli del viso sono pronti, passiamo alle corde vocali:

Inspira dal naso e tenendo le labbra chiuse e rilassate pronuncia una “M”. Mi raccomando, una “M” morbida, le labbra devono essere rilassate, non tese.

Adesso che hai riscaldato le corde vocali, è l’ora dello stretching!

Fai 4/5 sbadigli. Sbadigliando le corde vocali si allungano e si rilassano.

Ogni lettera è importante

Quando si parla, anche nella vita di tutti i giorni, è importante che si pronunci chiaramente ogni sillaba di ogni parola. È spesso l’ultima lettera ad essere più debole e, spesso, a sparire senza nemmeno sentirla. Riuscire a far sentire l’intera parola, oltre ad aiutare la comprensione del testo, ti permette anche di ridurre le cadenze tipiche di alcuni dialetti. Vediamo due esercizi che ti aiuteranno a scandire ogni parola.

La “T” muta

Pronunciare una “T” muta alla fine delle parole, ti aiuta a tenere un tono alto e brillante mantenendo un suono pulito, senza cadenze. Sapere che la parola non finisce, fa sì che non ne venga persa una sola sillaba e che non si cada in frasi cantilenanti.

Prova il tuo discorso aggiungendo una “T” muta alla fine di ogni parola, ad esempio:

Questo(T) è(T) il (T) mio(T) discorso(T).

Prova il tuo discorso un paio di volte e registrati. Sentirai ogni singola lettera, un suono chiaro e coinvolgente. Scandire in questo modo tutte le parole ti permette di arrivare a pronunciare il tuo il discorso con un ritmo incalzante, chiaro e preciso.

Il fatto di avere “ancora una lettera” alla fine di ogni parola ti porta a non chiudere il suono, a tenerlo acceso evitando così le cadenze forti. Ogni volta che finisci una frase, pensa che il discordo non è finito, pensa che è solo una piccola pausa ma non un arrivo! Solo quando avrai terminato l’intero discorso potrai chiudere la frase con un tono più basso e prenderti gli applausi finali!

Matita in bocca

Un altro esercizio per migliorare l’articolazione è quello della matita.

Prendi una matita e mettila fra i denti, non troppo indietro, mettila comoda in modo da non farti male. Adesso fai il tuo discorso con la matita in bocca senza morderla o sforzare i denti, solo attivando lingua, muscoli facciali e voce.

Questo esercizio aiuta ad articolare e a rilassare lingua e mandibola, cosa indispensabile a chi deve parlare per un periodo lungo, senza pause.

Adesso sei pronto per la tua performance: la voce è calda, le parole sono pronte ad incantare il tuo pubblico e il corpo è pieno di energia: niente più paura!

Vuoi mettere alla prova le tue doti comunicative?

Se vuoi scoprire come possiamo aiutarti a migliorare la tua Comunicazione e le tue Vendite contattaci

METTITI IN CONTATTO CON IL NOSTRO TEAM

Comunicare & Vendere con Successo

Alessandro Ferrari

Imprenditore | Consulente Aziendale | Formatore | Autore

2 commenti su “Allena Corpo e Voce per Vincere la Paura di Parlare in Pubblico

  1. Rossella Rispondi

    Ottimo articolo, grazie Alessandro! Lo studio della comunicazione verbale e soprattutto quella non verbale è fondamentale se parli davanti ad un pubblico e se fai un lavoro a contatto con le persone. E’ bene seguire una serie di esercizi e allenamento per aiutarti ad aumentare l’autostima, e quindi anche ad affrontare la paura di parlare davanti al pubblico. Bisogna puntare sulla crescita professionale e superare gli ostacoli, che molto spesso ci creiamo da soli!

    • Alessandro Ferrari Autore articoloRispondi

      Rossella concordo al 100% con quanto da te scritto nel commento. Per ottenere risultati diversi, bisogna avere il coraggio di fare scelte e cose diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.